ARCHIVIO: 2015 | 2014 | 2013 | 2012
ItalianoEnglish
Stampa
PDF
19
Set

European Community sport 2017: la cultura del benessere sceglie il Monferrato

I magnifici scenari del Parco Orme su La Court e delle colline del Monferrato hanno stregato la commissione del prestigioso riconoscimento europeo per i territori che si distinguono nella valorizzazione e promozione della pratica sportiva. Un altro traguardo raggiunto grazie all’unione di tutte le forze del territorio.

Se si parla di sport legato al territorio, il massimo attestato europeo sul tema è senza dubbio l’European Community of Sport, che ogni anno viene dato a quelle città, quei comuni e quei territori che si distinguono nella promozione e nella valorizzazione della pratica sportiva legata al turismo e al territorio.

Per il 2017 è stato il Monferrato a ottenere questo prestigioso riconoscimento, arrivato dopo che nella giornata del 17 settembre l’apposita commissione ha potuto visitare i luoghi più significativi di questa storica candidatura.

17 SETTEMBRE LA COURT AMBASCIATORE DI UN TERRITORIO UNITO

Sottolineando che, come successo in tante altre iniziative nate sul territorio negli ultimi anni, è stata la sinergia e la collaborazione tra realtà ed enti diversi il vero punto di forza di questo nuovo successo, non si può non sottolineare come il Parco Artistico Orme su La Court abbia avuto un ruolo di primo piano.
È qui, infatti, sulla collina dove nasce la Barbera di Michele Chiarlo, diventata un parco artistico costellato di opere di artisti come Emanuele Luzzati e Ugo Nespolo, o creazioni di designer acclamati come Chris Bangle, che la commissione giudicante è stata accolta dalla famiglia Chiarlo dagli assessori del Comune di Asti Andrea Cerrato e Giuseppe Basso, e dai Sindaci di Castelnuovo Calcea, Roberto Guastello, e di Nizza Monferrato, Simone Nosenzo.

Il Parco è stato scelto in quanto realtà viva e virtuosa, da tempo impegnata nella promozione dell’enoturismo direttamente in vigna. Con il progetto “Vivere”, infatti, La Court è diventato un caposaldo tra le realtà turistiche della zona, aperta a un atteggiamento di accoglienza e di costante promozione che richiama sempre più appassionati da tutto il mondo.
Recentemente, in particolare, nel Parco sono stati realizzati diversi percorsi per il trekking e la mountain bike, rappresentati su una grande mappa appositamente disegnata dal maestro Giancarlo Ferraris, e percorribili anche con l’accompagnamento di una Audioguida, in lingua italiana e inglese, che chiunque può scaricare sul proprio smartphone o tablet grazie alla Applicazione dedicata.
Proprio i percorsi attraverso il Parco sono stati teatro, il 17 settembre, di una simulazione realizzata dall’Associazione Nordik Walking di Incisa.



COLLINE SCENARIO DI UN PAESAGGIO UNICO

La location ha ben impressionato la commissione, che ha potuto constatare personalmente come gli scenari delle colline del Monferrato siano davvero un luogo magnifico, ricchissimo di angoli da scoprire, perfetto esempio di quei territori di Langhe-Roero e Monferrato dichiarate nel 2014 Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.
E in diversi punti di quelle terre, la commissione si è poi personalmente recata, per completare il monitoraggio di strutture e ambienti di tutti il territorio.
Lasciato il Parco, la commissione si è spostata ad Asti dove, presso la Camera di Commercio, a Palazzo Borello, si è tenuto il “Protocollo d’intesa Monferrato on Tour” tra gli Enti delle Province di Asti e Alessandria.

A seguire è stata la volta della conferenza stampa “Monferrato, European Community of sport 2017 Candidate”, tenutasi alla presenza della delegazione ACES Europe e dei partner tecnici-istituzionali.
La tappa successiva ha fatto rotta verso Casale Monferrato, dove, nel pomeriggio, sono stati visitati gli impianti sportivi del Circolo Canottieri e del Palazzetto dello Sport.
Alle 17,30 il ritorno ad Asti, presso il Golf Club Il Feudo dove si è tenuta la cena storica in occasione del palio di Asti, svoltosi presso il Rione Cattedrale-Piazza del Duomo.
La commissione ha poi pernottato al Golf Club Il Feudo, stanca ma soddisfatta dopo una giornata piena di bellezza, di voglia di condividere e di grande empatia tra tutte le realtà del territorio.
Le colline del Monferrato, a partire dal Parco Artistico Orme su La Court, hanno centrato nuovamente il bersaglio, dimostrandosi gli scenari impareggiabili del paesaggio che diventerà protagonista dell’European Community of sport 2017.

In particolare, le città che hanno accolto la commissione Aces Europe per la candidatura del Monferrato a European Community of Sport 2017, sono state: Asti, Alessandria, Acqui Terme, Casale Monferrato, Novi Ligure, Ovada, Nizza Monferrato, Castelnuovo Calcea.